Spalletti: "Io espulso? Una cosa che mi distrugge, spero Massa capisca"

Spalletti ha voluto sottolineare più volte la sua innocenza: "Non ho detto nulla durante tutta la partita, avevo Irrati accanto a me. Ho tenuto anche fermi quelli della panchina, siamo stati seduti e composti: ritrovarmi fuori così mi dispiace. Se c'è incomunicabilità con gli arbitri? Dal mio punto di vista no, sono solo andato a salutarlo alla fine. Anzi, per me Massa ha arbitrato benissimo e non mi pare gli siano state create difficoltà". Poi si è soffermato sull'analisi del match: "Entrambe le squadre hanno giocato una buonissima gara, tutte e due hanno provato ad attaccare e vincere mantenendo però grandissimo equilibrio, senza mai scoprire il fianco: ecco perché ci sono state poche occasioni per fare gol. Era una partita difficile in un momento difficile, solo verso la fine siamo riusciti ad andare veloce in verticale con scambi di posizione, ma sono contento perché la squadra ha mostrato di avere qualcosa addosso". Infine un elogio per Anguissa, autore dell'ennesima grande prova: "Lui è un atleta forte, un uomo vero e sa far tutto. Deve solo migliorare sulla finalizzazione, perché col volume di lavoro che fa riesce a ritagliarsi spazi per concludere. Meno ci si mette mano e meglio è in queste situazioni, rischi solo di far danni".

Spalletti: "Io espulso? Una cosa che mi distrugge, spero Massa capisca"

Spalletti ha voluto sottolineare più volte la sua innocenza: "Non ho detto nulla durante tutta la partita, avevo Irrati accanto a me. Ho tenuto anche fermi quelli della panchina, siamo stati seduti e composti: ritrovarmi fuori così mi dispiace. Se c'è incomunicabilità con gli arbitri? Dal mio punto di vista no, sono solo andato a salutarlo alla fine. Anzi, per me Massa ha arbitrato benissimo e non mi pare gli siano state create difficoltà".

Poi si è soffermato sull'analisi del match: "Entrambe le squadre hanno giocato una buonissima gara, tutte e due hanno provato ad attaccare e vincere mantenendo però grandissimo equilibrio, senza mai scoprire il fianco: ecco perché ci sono state poche occasioni per fare gol. Era una partita difficile in un momento difficile, solo verso la fine siamo riusciti ad andare veloce in verticale con scambi di posizione, ma sono contento perché la squadra ha mostrato di avere qualcosa addosso".

Infine un elogio per Anguissa, autore dell'ennesima grande prova: "Lui è un atleta forte, un uomo vero e sa far tutto. Deve solo migliorare sulla finalizzazione, perché col volume di lavoro che fa riesce a ritagliarsi spazi per concludere. Meno ci si mette mano e meglio è in queste situazioni, rischi solo di far danni".

giornalone

Sfoglia le Prime Pagine dei Quotidiani