Salah ne fa 3, lo United crolla | Colpo West Ham, Tottenham ko 

MANCHESTER UNITED-LIVERPOOL 0-5 Pokerissimo micidiale all'Old Trafford del Liverpool, che estromette di fatto il Manchester United dalla lotta scudetto e si riprende la seconda posizione (-1 dal Chelsea capolista) ai danni del City.  Nemmeno 5 minuti di gioco e i Reds sono già avanti: filtrante di Milner per Salah che serve centralmente Keita, bravo ad inserirsi alle spalle di Shaw e a freddare De Gea con un rasoterra imparabile. Botta e risposta tra il 9' e l'11': prima Bruno Fernandes spara clamorosamente alto con il destro a tu per tu con Alisson, poi il sinistro a incrociare di Firmino viene bloccato in due tempi da De Gea. Ci pensa comunque Diogo Jota a firmare la rete del raddoppio al 13': pasticcio tra Maguire e Shaw, apertura di Keita per Alexander-Arnold e traversone che attraversa l'area e giunge sul secondo palo, dove il portoghese è bravissimo a ribadire in rete in spaccata. Cristiano Ronaldo è totalmente fuori partita e lo si vede al 22', quando un contropiede dei Red Devils termina con una conclusione imprecisa del fuoriclasse. Una botta a giro violentissima di Greenwood costringe Alisson ad un volo plastico. Sul fronte opposto De Gea salva i suoi dalla capitolazione definitiva, ipnotizzando Salah in uscita bassa, ma il tris dell'egiziano è rinviato solo al 38': Salah, Firmino e Diogo Jota dialogano in un fazzoletto, poi l'apertura per Keita che serve il numero 11 per il pazzesco 0-3 all'Old Trafford. Con l'intervallo ormai alle porte, c'è anche il tempo della doppietta di Salah tutto indisturbato sul suggerimento di Diogo Jota. Si rientra nella ripresa e Salah va di tripletta con un delizioso tocco sotto dopo il lancio in profondità di Henderson. 0-5. Diluvia (è il caso di dire) sul bagnato per lo United: dopo il gol della bandiera annullato a Cristiano Ronaldo, il Var interviene anche in occasione del rosso diretto sventolato poi a Pogba, entrato in campo nell'intervallo, per un brutto fallo su Keita. Insomma, schemi e nervi sono completamente saltati e i Red Devils affondano a -8 dalla vetta della classifica. BRENTFORD – LEICESTER 1-2 Vince senza esaltare il Leicester di Rodgers, che si impone 2-1 sul campo del Brentford. In un primo tempo nel complesso piuttosto scialbo a livello di emozioni, i padroni di casa partono meglio e troverebbero il gol con Toney, ma la rete viene subito annullata per offside. A sbloccare il match è allora Tielemans, che porta avanti il Leicester al 14' con un missile al volo da fuori area. Trovato il vantaggio, gli uomini di Rodgers si limitano a difendere il punteggio, lasciando il possesso palla e l'iniziativa agli avversari. L'atteggiamento remissivo fa perdere metri di campo alle Foxes e al 60' il Brentford punisce con l'incornata precisa di Jorgensen su corner di Jensen. Il pareggio sveglia il Leicester, che torna a farsi vedere. Il gol vittoria per gli ospiti arriva al 73', quando Maddison finalizza il contropiede su assist di Daka. Negli ultimi minuti la partita si innervosisce ma il punteggio non cambia: il Leicester sale a 14 punti, il Brentford resta a 12. WEST HAM – TOTTENHAM 1-0 Il West Ham vince a sorpresa il derby londinese, battendo il Tottenham 1-0 per rilanciare le proprie ambizioni in classifica. Al London Stadium sono soprattutto gli Spurs a fare la partita nel primo tempo, ma le opportunità scarseggiano. Gli Hammers vanno vicini al bersaglio con il colpo di testa di Soucek al 35', gli ospiti rispondono con l'incornata di Kane, su cui è bravo Fabianski. Il secondo tempo riserva meno emozioni per quasi mezz'ora, poi il West Ham preme sull'acceleratore. Al 70' Lloris alza sopra la traversa un pericoloso tiro di Fornals sporcato da Dier; sull'angolo successivo Michail Antonio da due passi trova la zampata vincente per l'1-0. Il Tottenham non riesce a reagire e anzi rischia il raddoppio sull'azione in velocità di Benrahma, a cui Lloris si oppone in uscita. Negli ultimi minuti le emozioni mancano e il West Ham protegge l'1-0 fino al fischio finale, aggiudicandosi i tre punti che lo portano a 17, in quarta posizione. Il Tottenham rimane a 15 e perde terreno sulle primissime della classe. RISULTATI E CLASSIFICHE

Salah ne fa 3, lo United crolla | Colpo West Ham, Tottenham ko 

MANCHESTER UNITED-LIVERPOOL 0-5
Pokerissimo micidiale all'Old Trafford del Liverpool, che estromette di fatto il Manchester United dalla lotta scudetto e si riprende la seconda posizione (-1 dal Chelsea capolista) ai danni del City.  Nemmeno 5 minuti di gioco e i Reds sono già avanti: filtrante di Milner per Salah che serve centralmente Keita, bravo ad inserirsi alle spalle di Shaw e a freddare De Gea con un rasoterra imparabile. Botta e risposta tra il 9' e l'11': prima Bruno Fernandes spara clamorosamente alto con il destro a tu per tu con Alisson, poi il sinistro a incrociare di Firmino viene bloccato in due tempi da De Gea. Ci pensa comunque Diogo Jota a firmare la rete del raddoppio al 13': pasticcio tra Maguire e Shaw, apertura di Keita per Alexander-Arnold e traversone che attraversa l'area e giunge sul secondo palo, dove il portoghese è bravissimo a ribadire in rete in spaccata. Cristiano Ronaldo è totalmente fuori partita e lo si vede al 22', quando un contropiede dei Red Devils termina con una conclusione imprecisa del fuoriclasse.

Una botta a giro violentissima di Greenwood costringe Alisson ad un volo plastico. Sul fronte opposto De Gea salva i suoi dalla capitolazione definitiva, ipnotizzando Salah in uscita bassa, ma il tris dell'egiziano è rinviato solo al 38': Salah, Firmino e Diogo Jota dialogano in un fazzoletto, poi l'apertura per Keita che serve il numero 11 per il pazzesco 0-3 all'Old Trafford. Con l'intervallo ormai alle porte, c'è anche il tempo della doppietta di Salah tutto indisturbato sul suggerimento di Diogo Jota. Si rientra nella ripresa e Salah va di tripletta con un delizioso tocco sotto dopo il lancio in profondità di Henderson. 0-5. Diluvia (è il caso di dire) sul bagnato per lo United: dopo il gol della bandiera annullato a Cristiano Ronaldo, il Var interviene anche in occasione del rosso diretto sventolato poi a Pogba, entrato in campo nell'intervallo, per un brutto fallo su Keita. Insomma, schemi e nervi sono completamente saltati e i Red Devils affondano a -8 dalla vetta della classifica.

BRENTFORD – LEICESTER 1-2
Vince senza esaltare il Leicester di Rodgers, che si impone 2-1 sul campo del Brentford. In un primo tempo nel complesso piuttosto scialbo a livello di emozioni, i padroni di casa partono meglio e troverebbero il gol con Toney, ma la rete viene subito annullata per offside. A sbloccare il match è allora Tielemans, che porta avanti il Leicester al 14' con un missile al volo da fuori area. Trovato il vantaggio, gli uomini di Rodgers si limitano a difendere il punteggio, lasciando il possesso palla e l'iniziativa agli avversari. L'atteggiamento remissivo fa perdere metri di campo alle Foxes e al 60' il Brentford punisce con l'incornata precisa di Jorgensen su corner di Jensen. Il pareggio sveglia il Leicester, che torna a farsi vedere. Il gol vittoria per gli ospiti arriva al 73', quando Maddison finalizza il contropiede su assist di Daka. Negli ultimi minuti la partita si innervosisce ma il punteggio non cambia: il Leicester sale a 14 punti, il Brentford resta a 12.

WEST HAM – TOTTENHAM 1-0
Il West Ham vince a sorpresa il derby londinese, battendo il Tottenham 1-0 per rilanciare le proprie ambizioni in classifica. Al London Stadium sono soprattutto gli Spurs a fare la partita nel primo tempo, ma le opportunità scarseggiano. Gli Hammers vanno vicini al bersaglio con il colpo di testa di Soucek al 35', gli ospiti rispondono con l'incornata di Kane, su cui è bravo Fabianski. Il secondo tempo riserva meno emozioni per quasi mezz'ora, poi il West Ham preme sull'acceleratore. Al 70' Lloris alza sopra la traversa un pericoloso tiro di Fornals sporcato da Dier; sull'angolo successivo Michail Antonio da due passi trova la zampata vincente per l'1-0. Il Tottenham non riesce a reagire e anzi rischia il raddoppio sull'azione in velocità di Benrahma, a cui Lloris si oppone in uscita. Negli ultimi minuti le emozioni mancano e il West Ham protegge l'1-0 fino al fischio finale, aggiudicandosi i tre punti che lo portano a 17, in quarta posizione. Il Tottenham rimane a 15 e perde terreno sulle primissime della classe.

RISULTATI E CLASSIFICHE

giornalone

Sfoglia le Prime Pagine dei Quotidiani