Polemica Abete-Di Battista su La7. “Come sarebbe il Paese senza Draghi?”. “Avremmo le cavallette e le piaghe d’Egitto”

Scontro a “Dimartedì” (La7) tra l’ex deputato del M5s, Alessandro Di Battista, e Luigi Abete, presidente onorario della Luiss Guido Carli. Nodo del confronto è il governo Draghi, sul quale l’ex parlamentare pentastellato è tranchant: “Questo è un governo ‘dell’ assembramento’ dove tutti governano essenzialmente per provare a farsi vedere e per mettere i loro […] L'articolo Polemica Abete-Di Battista su La7. “Come sarebbe il Paese senza Draghi?”. “Avremmo le cavallette e le piaghe d’Egitto” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Polemica Abete-Di Battista su La7. “Come sarebbe il Paese senza Draghi?”. “Avremmo le cavallette e le piaghe d’Egitto”

Scontro a “Dimartedì” (La7) tra l’ex deputato del M5s, Alessandro Di Battista, e Luigi Abete, presidente onorario della Luiss Guido Carli.
Nodo del confronto è il governo Draghi, sul quale l’ex parlamentare pentastellato è tranchant: “Questo è un governo ‘dell’ assembramento’ dove tutti governano essenzialmente per provare a farsi vedere e per mettere i loro deretani, spesso flaccidi, su poltrone governative. È nato all’insegna del motto ‘non togliere ma dare agli italiani’ e oggi invece i conti della stragrande maggioranza degli italiani sono decisamente prosciugati rispetto a un anno fa”.

Abete dissente: “Secondo me, abbiamo fatto bene a fare questo governo. Ma certamente questo non significa affidare al presidente del Consiglio una capacità magica di risolvere tutti i problemi, perché Mandrake, grazie al cielo, non esiste. Draghi però ci dà una stabilità percepita”.
“Mandrake non esiste? – commenta Di Battista – Verissimo. Il problema è che Draghi è stato descritto da gran parte della stampa come un Mandrake e un Messia arrivato dal cielo. Fondamentalmente è stato descritto in maniera vergognosa”.

Abete ribadisce: “Immaginiamo come sarebbe oggi il Paese se non avessimo il governo Draghi. Non è che solo l’Italia soffre dell’inflazione, della crisi del gas, del rischio delle materie prime. Sono rischi che stanno soffrendo tutti i Paesi. ”.
Ci sarebbero le cavallette senza Draghi – replica sarcasticamente Di Battista – Non so, le piaghe d’Egitto, la morte collettiva”.
“Ma che c’entra?”, ribatte Abete.
L’ex deputato continua: “La verità è che quell’uomo così capace di risolvere i problemi è così importante che gran parte dell’establishment lo voleva al Quirinale per i prossimi 7 anni e non è stato eletto presidente della Repubblica dal Parlamento”.
Senza Draghi avremmo avuto la crisi sociale ed economica”, rilancia Abete.
“Vada a dirlo a chi vive nelle periferie”, controbatte Di Battista”.
“Ci sono andato – risponde l’imprenditore – Io ci vivo nella periferia”.

L'articolo Polemica Abete-Di Battista su La7. “Come sarebbe il Paese senza Draghi?”. “Avremmo le cavallette e le piaghe d’Egitto” proviene da Il Fatto Quotidiano.