HUFFPOST: Mascherina all'aperto per Natale. Da Sala a Gori a D'Amato: il fronte s'allarga

Man mano che si avvicinano le feste natalizie, tra gli amministratori locali inizia a farsi strada la decisione di imporre l’uso della mascherina anche all’aperto. Per esempio, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, è pronto a firmare l’ordinanza che prescrive tale obbligo per il periodo natalizio in centro città. “L’ordinanza è pronta, e la firmerò adesso al rientro in Comune, sarà a valere dalla mezzanotte di venerdì fino al 31 dicembre e riguarderà tutta l’asse dal Castello a San Babila”, ha spiegato a margine di un evento per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne nella sede dell’anagrafe.Dello stesso avviso anche il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori. Il provvedimentoriguarderà specifiche zone della città dove sono previste situazioni di affollamento. Gori sta completando in queste ore le procedure per firmare il provvedimento che interessa la città che più di tutte, nella primavera del 2020, aveva sofferto per la pandemia. Anche in questo caso l’iniziativa è stata pensata in vista delle festività di Natale, quando alcune strade del centro, tra cui via XX Settembre, si riempiranno di cittadini per lo shopping.A esprimersi a favore della misura, anche l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Se vogliamo passare un Natale sereno - spiega in un’intervista a Repubblica -, tutto dipende dalle prossime settimane. Bisogna ripristinare l’obbligo di mascherine all’aperto nelle zone dello shopping. Se il governo non ci dà retta, lo faremo nel Lazio in autonomia. Parlerò personalmente con tutti i sindaci e tutti i comuni per favorire l’utilizzo di mascherine in strada”.Intervenendo all’Aria che tira su La 7, Il sindaco di Firenze, Dario Nardella spiega poi che nell’ambito delle misure per il contenimento dell’epidemia di Covid, “stiamo studiando ora la misura” e “potremmo orientarci verso un obbligo” dell’uso della mascherina “nel centro storico”.

HUFFPOST: Mascherina all'aperto per Natale. Da Sala a Gori a D'Amato: il fronte s'allarga

Man mano che si avvicinano le feste natalizie, tra gli amministratori locali inizia a farsi strada la decisione di imporre l’uso della mascherina anche all’aperto. Per esempio, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, è pronto a firmare l’ordinanza che prescrive tale obbligo per il periodo natalizio in centro città. “L’ordinanza è pronta, e la firmerò adesso al rientro in Comune, sarà a valere dalla mezzanotte di venerdì fino al 31 dicembre e riguarderà tutta l’asse dal Castello a San Babila”, ha spiegato a margine di un evento per la giornata internazionale contro la violenza sulle donne nella sede dell’anagrafe.

Dello stesso avviso anche il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori. Il provvedimento
riguarderà specifiche zone della città dove sono previste situazioni di affollamento. Gori sta completando in queste ore le procedure per firmare il provvedimento che interessa la città che più di tutte, nella primavera del 2020, aveva sofferto per la pandemia. Anche in questo caso l’iniziativa è stata pensata in vista delle festività di Natale, quando alcune strade del centro, tra cui via XX Settembre, si riempiranno di cittadini per lo shopping.

A esprimersi a favore della misura, anche l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Se vogliamo passare un Natale sereno - spiega in un’intervista a Repubblica -, tutto dipende dalle prossime settimane. Bisogna ripristinare l’obbligo di mascherine all’aperto nelle zone dello shopping. Se il governo non ci dà retta, lo faremo nel Lazio in autonomia. Parlerò personalmente con tutti i sindaci e tutti i comuni per favorire l’utilizzo di mascherine in strada”.

Intervenendo all’Aria che tira su La 7, Il sindaco di Firenze, Dario Nardella spiega poi che nell’ambito delle misure per il contenimento dell’epidemia di Covid, “stiamo studiando ora la misura” e “potremmo orientarci verso un obbligo” dell’uso della mascherina “nel centro storico”.

giornalone

Sfoglia le Prime Pagine dei Quotidiani