La "non invasione" vista da Mosca, tra propaganda e voglia di dialogo

La "non invasione" vista da Mosca, tra propaganda e voglia di dialogo