Klopp: "L'Inter è un top team, servirà una gara eccezionale"

I Reds sono reduci da un girone chiuso a punteggio pieno, con 6 vittorie su 6 e ben 17 gol segnati, ma l'allenatore tedesco non si sente per questo favorito: "Storicamente i risultati del girone non contano niente... Certamente è stato bello vincerle tutte, non credevo fosse possibile, ma a ogni modo è il passato. Noi dovremo sfruttare la nostra esperienza, sappiamo di essere una squadra forte, ma lo sono anche loro e per questo sarà una partita difficile". A suo dire non avrà nessun peso neanche la storia e il blasone delle contendenti: "La storia non giocherà alcun ruolo. Non saprei come potrebbe condizionare la partita... Noi sappiamo di dover giocare contro una squadra forte e sarà già difficile così, non aggiungiamo anche la storia alla lista degli elementi. Questa è la Champions, qua ci sono le famiglie reali del calcio". Sulle scelte di formazione non si sbilancia: "Abbiamo soluzioni diverse ovviamente, vedremo chi giocherà. Il fatto di avere cinque sostituzioni è importante, ed è fantastico avere tutti a disposizione in questo momento. Non mi è quasi mai successo e quindi sono felice. Henderson non ha problemi, è tornato la scorsa settimana ed è tutto ok. Ha una ferita sul ginocchio, ma a parte questo sta benissimo. Salah e Mané? È bello che abbiano giocato subito dopo il rientro dalla Coppa d'Africa, sono due forze della natura. Non hanno festeggiato troppo, anche perché non bevono alcool... Hanno avuto tempi di recupero eccezionali, ma non sono sorpreso perché li conosco bene". Dopodiché Klopp ha parlato di alcuni elementi della rosa avversaria: "Perisic lo ammiro molto, mi piace come giocatore. Abbiamo fatto il double insieme in Germania (con il Dortmund nel 2012, ndr). Poi ci sono Dzeko e tutti gli altri. Barella purtroppo non potrà giocare, non sarà male per noi, ma è un ottimo giocatore che mi piace molto. Un fuoriclasse che ha tecnica, corre... Al suo posto però giocherà Vidal, che non è mica male. Ha giocato ovunque ad alto livello e non so se sarà un vantaggio per noi. Comunque non mi interessa, quello a cui penso è solo a come giocheremo noi, alla nostra mentalità". Infine una battuta sul nuovo regolamento, che da quest'anno non avvantaggia più la squadra che segna di più in trasferta: "Lo vedremo alla fine se questo influenzerà l'esito... I gol in trasferta mi piacevano, non so perché hanno cambiato il regolamento, ma noi cercheremo comunque di fare il massimo. In teoria giocare la prima in trasferta ci avvantaggia, anche se ovviamente dipende dal risultato. È una buona cosa, ma non so se sarà una cosa decisiva. Sappiamo che al ritorno potremo contare su Anfield, ma non dipendiamo certo solo da questo".

Klopp: "L'Inter è un top team, servirà una gara eccezionale"

I Reds sono reduci da un girone chiuso a punteggio pieno, con 6 vittorie su 6 e ben 17 gol segnati, ma l'allenatore tedesco non si sente per questo favorito: "Storicamente i risultati del girone non contano niente... Certamente è stato bello vincerle tutte, non credevo fosse possibile, ma a ogni modo è il passato. Noi dovremo sfruttare la nostra esperienza, sappiamo di essere una squadra forte, ma lo sono anche loro e per questo sarà una partita difficile".

A suo dire non avrà nessun peso neanche la storia e il blasone delle contendenti: "La storia non giocherà alcun ruolo. Non saprei come potrebbe condizionare la partita... Noi sappiamo di dover giocare contro una squadra forte e sarà già difficile così, non aggiungiamo anche la storia alla lista degli elementi. Questa è la Champions, qua ci sono le famiglie reali del calcio".

Sulle scelte di formazione non si sbilancia: "Abbiamo soluzioni diverse ovviamente, vedremo chi giocherà. Il fatto di avere cinque sostituzioni è importante, ed è fantastico avere tutti a disposizione in questo momento. Non mi è quasi mai successo e quindi sono felice. Henderson non ha problemi, è tornato la scorsa settimana ed è tutto ok. Ha una ferita sul ginocchio, ma a parte questo sta benissimo. Salah e Mané? È bello che abbiano giocato subito dopo il rientro dalla Coppa d'Africa, sono due forze della natura. Non hanno festeggiato troppo, anche perché non bevono alcool... Hanno avuto tempi di recupero eccezionali, ma non sono sorpreso perché li conosco bene".

Dopodiché Klopp ha parlato di alcuni elementi della rosa avversaria: "Perisic lo ammiro molto, mi piace come giocatore. Abbiamo fatto il double insieme in Germania (con il Dortmund nel 2012, ndr). Poi ci sono Dzeko e tutti gli altri. Barella purtroppo non potrà giocare, non sarà male per noi, ma è un ottimo giocatore che mi piace molto. Un fuoriclasse che ha tecnica, corre... Al suo posto però giocherà Vidal, che non è mica male. Ha giocato ovunque ad alto livello e non so se sarà un vantaggio per noi. Comunque non mi interessa, quello a cui penso è solo a come giocheremo noi, alla nostra mentalità".

Infine una battuta sul nuovo regolamento, che da quest'anno non avvantaggia più la squadra che segna di più in trasferta: "Lo vedremo alla fine se questo influenzerà l'esito... I gol in trasferta mi piacevano, non so perché hanno cambiato il regolamento, ma noi cercheremo comunque di fare il massimo. In teoria giocare la prima in trasferta ci avvantaggia, anche se ovviamente dipende dal risultato. È una buona cosa, ma non so se sarà una cosa decisiva. Sappiamo che al ritorno potremo contare su Anfield, ma non dipendiamo certo solo da questo".