Jannik Sinner nella storia: quattro titoli in un anno, mai nessun italiano come lui

Jannik Sinner entra nella storia: si tratta del primo italiano di sempre a conquistare 4 trofei Atp in una sola stagione: melbourne 1, Washington, Sofia e Anversa. E il tutto a soli 20 anni. A cedere sotto i suoi colpi questa volta è stato Diego Schwartzman, nato il 16 agosto come Jannik ma 9 anni prima. E' finita 6-2 6-2. La partita, come sottolineato dalla Gazzetta dello Sport, è stata impeccabile.       Sinner ha sempre mantenuto alta la concentrazione e si è sempre mostrato pronto all'attacco. E non è tutto, da domani il campione italiano sarà anche numero 11 del ranking mondiale, miglior classifica di sempre e sulla soglia della top ten. Durante il primo set, Sinner si è fatto vedere fin da subito presente a se stesso, con ottime percentuali di servizio.  Solo un piccolo momento di distrazione per il 20enne italiano nel sesto gioco in cui offre, e salva due palle break all'argentino. A parte quello, però, non c'è storia e Sinner chiude il primo set 6-2. È il 4° 6-2 consecutivo rifilato agli avversari negli ultimi tre giorni.       Secondo parziale che parte ancora col piede a tavoletta sull'acceleratore, break in apertura di Sinner che poi conferma il vantaggio e sale 2-0. Ancora un break per il 4-1 spegne le speranze dell'argentino numero 14 al mondo che cede con un doppio 6-2.      

Jannik Sinner nella storia: quattro titoli in un anno, mai nessun italiano come lui

Jannik Sinner entra nella storia: si tratta del primo italiano di sempre a conquistare 4 trofei Atp in una sola stagione: melbourne 1, Washington, Sofia e Anversa. E il tutto a soli 20 anni. A cedere sotto i suoi colpi questa volta è stato Diego Schwartzman, nato il 16 agosto come Jannik ma 9 anni prima. E' finita 6-2 6-2. La partita, come sottolineato dalla Gazzetta dello Sport, è stata impeccabile.

 

 

 

Sinner ha sempre mantenuto alta la concentrazione e si è sempre mostrato pronto all'attacco. E non è tutto, da domani il campione italiano sarà anche numero 11 del ranking mondiale, miglior classifica di sempre e sulla soglia della top ten. Durante il primo set, Sinner si è fatto vedere fin da subito presente a se stesso, con ottime percentuali di servizio.  Solo un piccolo momento di distrazione per il 20enne italiano nel sesto gioco in cui offre, e salva due palle break all'argentino. A parte quello, però, non c'è storia e Sinner chiude il primo set 6-2. È il 4° 6-2 consecutivo rifilato agli avversari negli ultimi tre giorni.

 

 

 

Secondo parziale che parte ancora col piede a tavoletta sull'acceleratore, break in apertura di Sinner che poi conferma il vantaggio e sale 2-0. Ancora un break per il 4-1 spegne le speranze dell'argentino numero 14 al mondo che cede con un doppio 6-2.

 

 

 

giornalone

Sfoglia le Prime Pagine dei Quotidiani