Cutrone a Cragno: "Balbuziente di m...". Poi le scuse e tutto chiarito

Da tempo nel giro nella Nazionale, prima titolare nell'Under 21 e poi terzo portiere in quella maggiore, Cragno non ha mai nascosto di essere leggermente balbuziente. Anzi. Anche per incoraggiare chi ha il suo stesso disturbo, quando è il suo turno, si presenta senza problemi in sala stampa e nelle interviste post gara. Atteggiamento maturo e intelligente che ha mostrato anche ieri nel dopo gara e nella gestione del "caso Cutrone".  Cose da campo che devono rimanere sul campo, questo in buona sostanza il messaggio fatto trapelare dal portiere. Uno che si comporta così da sempre: anche dopo la pedata in faccia di Ronaldo in un Cagliari-Juventus di una stagione fa, era rimasto in campo. Ferito al volto, ma era voluto restare tra i pali. E nei giorni successivi - nonostante i fermo immagine molto chiari sull'intervento, involontario, di CR7 - non aveva minimamente accusato l'attaccante portoghese. Eppure sarebbe stato facile passare per vittima. Come ieri con Cutrone. 

Cutrone a Cragno: "Balbuziente di m...". Poi le scuse e tutto chiarito

Da tempo nel giro nella Nazionale, prima titolare nell'Under 21 e poi terzo portiere in quella maggiore, Cragno non ha mai nascosto di essere leggermente balbuziente. Anzi. Anche per incoraggiare chi ha il suo stesso disturbo, quando è il suo turno, si presenta senza problemi in sala stampa e nelle interviste post gara. Atteggiamento maturo e intelligente che ha mostrato anche ieri nel dopo gara e nella gestione del "caso Cutrone". 

Cose da campo che devono rimanere sul campo, questo in buona sostanza il messaggio fatto trapelare dal portiere. Uno che si comporta così da sempre: anche dopo la pedata in faccia di Ronaldo in un Cagliari-Juventus di una stagione fa, era rimasto in campo. Ferito al volto, ma era voluto restare tra i pali. E nei giorni successivi - nonostante i fermo immagine molto chiari sull'intervento, involontario, di CR7 - non aveva minimamente accusato l'attaccante portoghese. Eppure sarebbe stato facile passare per vittima. Come ieri con Cutrone.