Conegliano nella storia, 73ª vittoria di fila | Civitanova batte Modena

SERIE A1 FEMMINILE BOSCA S.BERNARDO CUNEO – PROSECCO DOC IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 2-3 (25-22, 15-25, 25-20, 18-25, 8-15) Conegliano supera con qualche difficoltà l'ostacolo Cuneo e si conferma la prima della classe del campionato di volley femminile, scrivendo un nuovo record: è la sua 73ª vittoria consecutiva. La partita non era iniziata nel migliore dei modi, con il punto di Stufi per il 25-22 nel primo parziale. Le venete crescono nel prosieguo del match e dominano 25-15 il set successivo, ma vengono messe spalle al muro dal 25-20 di una sorprendente Bosca S.Bernardo. Nel momento decisivo, però, la maggiore qualità di Conegliano viene fuori e si traduce in due parziali dominati, 25-18 e 15-8. Paola Egonu conclude con 30 punti totali, le venete sono ovviamente prime da sole in campionato e ora anche nella storia. ACQUA & SAPONE ROMA – VERO VOLLEY MONZA 0-3 (22-25, 18-25, 22-25) La Vero Volley Monza si conferma nei piani alti della classifica espugnando agevolmente il campo dell'Acqua & Sapone Roma. Le brianzole confermano il proprio feeling con le sfide in trasferta, dopo il colpo a Scandicci della scorsa giornata, con un netto 3-0 che porta la firma di Van Hecke (27 punti). Dopo i primi due parziali vinti senza troppi patemi, 25-22 e 25-18 scappando via nelle fasi calde, le lombarde sembrano soccombere al terzo set, sotto 16-10, ma mettono a referto sei punti consecutivi e vanno a chiudere 25-22. In classifica salgono a 14 punti, terze, mentre Roma resta a 6. SAVINO DEL BENE SCANDICCI – REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-1 (26-24, 25-20, 18-25, 25-16) Anche Scandicci rimane a bordo del treno delle posizioni migliori della classifica, battendo Chieri 3-1 in una sfida con dei set nel complesso non molto combattuti. L'unica vera battaglia si verifica nel primo parziale, in cui gli ospiti non riescono a capitalizzare il 20-17 e il set point, per soccombere al primo vantaggio. Scandicci prosegue sull'onda lunga e va 25-20 nel secondo, per poi subire la reazione d'orgoglio di Chieri per il 25-18 del terzo set. Le toscane tuttavia dominano il quarto 25-16 e volano a 14 punti in campionato, mentre le piemontesi restano a 12. UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – IL BISONTE FIRENZE 3-0 (25-21, 25-20, 25-20) Busto Arsizio si aggiunge all'elenco di squadre a quota 14 con un importante 3-0 casalingo contro Il Bisonte Firenze. Le lombarde pongono fine alla propria striscia di tre sconfitte consecutive con una prestazione convincente, che passa dalle mani di Mingardi (20 punti) e della capitana Stevanovic (10), decisive anche nel trascinare le compagne nei momenti decisivi della partita per il 25-21, 25-20 e 25-20 in parziali mai realmente in discussione dalla metà in poi. Alle toscane non basta Nwakalor (15 punti) per evitare un passivo anche piuttosto pesante per quanto visto in campo. BERGAMO – IGOR GORGONZOLA NOVARA 0-3 (15-25, 18-25, 20-25) Novara si conferma la prima antagonista di Conegliano, controllando la sfida con Bergamo per confermare la seconda posizione in classifica, con una sola sconfitta finora (proprio nello scontro diretto). Le piemontesi sconfiggono le lombarde con un perentorio 3-0, senza bisogno di lottare nel finale di ogni parziale, dal 25-15 del primo al 25-18 del successivo. Nel terzo Bergamo prova a tenere botta ma molla la presa dal 16-14, incassando sei punti consecutivi per poi soccombere 25-20. Novara sale a 17, le bergamasche si fermano a 8. SUPERLEGA MASCHILE ITAS TRENTINO – VERO VOLLEY MONZA 3-1 (19-25, 25-16, 27-25, 25-23) Trento si aggiudica la sfida d'alta classifica con Monza e si conferma nei piani alti della Superlega. I brianzoli partono meglio e controllano il primo set con un comodo 25-19, salvo poi scomparire nel parziale successivo e soccombere con un netto 25-16. Molto più equilibrio invece nella fase successiva, tanto che la Vero Volley avrebbe tre set point consecutivi sul 24-21 ma non riesce a chiudere e viene sconfitta 27-25, dopo aver sprecato un'altra chance per ottenere il parziale. Nel quarto Kaziyski guida l'allungo di Itas dal 20-20 con tre ace consecutivi, che apparecchia il 25-23 finale. Per Trentino ottima prova di Davyskiba, con 18 punti, e primo posto ex aequo con Lube Civitanova, in attesa di vedere Perugia. CUCINE LUBE CIVITANOVA – LEO SHOES PERKINELMER MODENA 3-1 (22-25, 29-27, 25-19, 30-28) Nonostante le assenze di Zaytsev e Juantorena, Civitanova sconfigge Modena 3-1 in un big match tiratissimo in quasi tutti i suoi parziali. I padroni di casa partono meglio e vanno subito 6-2, ma gli emiliani crescono e, trascinati da degli ottimi Mazzone (5 punti nel primo set) e Nimir (6), chiudono 25-22. Il secondo set viene giocato punto a punto fino ai vantaggi e fino al muro decisivo di Kovar su Ngapeth, che vale il 29-27. Simon, miglior realizzatore dei suoi (18 punti in tutto) porta 4 ace in avvio di terzo parziale e porta la Lube sul 7-4, per poi allungare fino al 25-19. Grande battaglia anche nel quarto set, in cui cresce soprattutto Yant. Ancora una volta a decider

Conegliano nella storia, 73ª vittoria di fila | Civitanova batte Modena

SERIE A1 FEMMINILE

BOSCA S.BERNARDO CUNEO – PROSECCO DOC IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 2-3 (25-22, 15-25, 25-20, 18-25, 8-15)
Conegliano supera con qualche difficoltà l'ostacolo Cuneo e si conferma la prima della classe del campionato di volley femminile, scrivendo un nuovo record: è la sua 73ª vittoria consecutiva. La partita non era iniziata nel migliore dei modi, con il punto di Stufi per il 25-22 nel primo parziale. Le venete crescono nel prosieguo del match e dominano 25-15 il set successivo, ma vengono messe spalle al muro dal 25-20 di una sorprendente Bosca S.Bernardo. Nel momento decisivo, però, la maggiore qualità di Conegliano viene fuori e si traduce in due parziali dominati, 25-18 e 15-8. Paola Egonu conclude con 30 punti totali, le venete sono ovviamente prime da sole in campionato e ora anche nella storia.

ACQUA & SAPONE ROMA – VERO VOLLEY MONZA 0-3 (22-25, 18-25, 22-25)
La Vero Volley Monza si conferma nei piani alti della classifica espugnando agevolmente il campo dell'Acqua & Sapone Roma. Le brianzole confermano il proprio feeling con le sfide in trasferta, dopo il colpo a Scandicci della scorsa giornata, con un netto 3-0 che porta la firma di Van Hecke (27 punti). Dopo i primi due parziali vinti senza troppi patemi, 25-22 e 25-18 scappando via nelle fasi calde, le lombarde sembrano soccombere al terzo set, sotto 16-10, ma mettono a referto sei punti consecutivi e vanno a chiudere 25-22. In classifica salgono a 14 punti, terze, mentre Roma resta a 6.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – REALE MUTUA FENERA CHIERI 3-1 (26-24, 25-20, 18-25, 25-16)
Anche Scandicci rimane a bordo del treno delle posizioni migliori della classifica, battendo Chieri 3-1 in una sfida con dei set nel complesso non molto combattuti. L'unica vera battaglia si verifica nel primo parziale, in cui gli ospiti non riescono a capitalizzare il 20-17 e il set point, per soccombere al primo vantaggio. Scandicci prosegue sull'onda lunga e va 25-20 nel secondo, per poi subire la reazione d'orgoglio di Chieri per il 25-18 del terzo set. Le toscane tuttavia dominano il quarto 25-16 e volano a 14 punti in campionato, mentre le piemontesi restano a 12.

UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO – IL BISONTE FIRENZE 3-0 (25-21, 25-20, 25-20)
Busto Arsizio si aggiunge all'elenco di squadre a quota 14 con un importante 3-0 casalingo contro Il Bisonte Firenze. Le lombarde pongono fine alla propria striscia di tre sconfitte consecutive con una prestazione convincente, che passa dalle mani di Mingardi (20 punti) e della capitana Stevanovic (10), decisive anche nel trascinare le compagne nei momenti decisivi della partita per il 25-21, 25-20 e 25-20 in parziali mai realmente in discussione dalla metà in poi. Alle toscane non basta Nwakalor (15 punti) per evitare un passivo anche piuttosto pesante per quanto visto in campo.

BERGAMO – IGOR GORGONZOLA NOVARA 0-3 (15-25, 18-25, 20-25)
Novara si conferma la prima antagonista di Conegliano, controllando la sfida con Bergamo per confermare la seconda posizione in classifica, con una sola sconfitta finora (proprio nello scontro diretto). Le piemontesi sconfiggono le lombarde con un perentorio 3-0, senza bisogno di lottare nel finale di ogni parziale, dal 25-15 del primo al 25-18 del successivo. Nel terzo Bergamo prova a tenere botta ma molla la presa dal 16-14, incassando sei punti consecutivi per poi soccombere 25-20. Novara sale a 17, le bergamasche si fermano a 8.

SUPERLEGA MASCHILE

ITAS TRENTINO – VERO VOLLEY MONZA 3-1 (19-25, 25-16, 27-25, 25-23)
Trento si aggiudica la sfida d'alta classifica con Monza e si conferma nei piani alti della Superlega. I brianzoli partono meglio e controllano il primo set con un comodo 25-19, salvo poi scomparire nel parziale successivo e soccombere con un netto 25-16. Molto più equilibrio invece nella fase successiva, tanto che la Vero Volley avrebbe tre set point consecutivi sul 24-21 ma non riesce a chiudere e viene sconfitta 27-25, dopo aver sprecato un'altra chance per ottenere il parziale. Nel quarto Kaziyski guida l'allungo di Itas dal 20-20 con tre ace consecutivi, che apparecchia il 25-23 finale. Per Trentino ottima prova di Davyskiba, con 18 punti, e primo posto ex aequo con Lube Civitanova, in attesa di vedere Perugia.

CUCINE LUBE CIVITANOVA – LEO SHOES PERKINELMER MODENA 3-1 (22-25, 29-27, 25-19, 30-28)
Nonostante le assenze di Zaytsev e Juantorena, Civitanova sconfigge Modena 3-1 in un big match tiratissimo in quasi tutti i suoi parziali. I padroni di casa partono meglio e vanno subito 6-2, ma gli emiliani crescono e, trascinati da degli ottimi Mazzone (5 punti nel primo set) e Nimir (6), chiudono 25-22. Il secondo set viene giocato punto a punto fino ai vantaggi e fino al muro decisivo di Kovar su Ngapeth, che vale il 29-27. Simon, miglior realizzatore dei suoi (18 punti in tutto) porta 4 ace in avvio di terzo parziale e porta la Lube sul 7-4, per poi allungare fino al 25-19. Grande battaglia anche nel quarto set, in cui cresce soprattutto Yant. Ancora una volta a decidere è un muro subìto da Ngapeth, stavolta firmato Kovar, per il 30-28 finale. Civitanova sale a cinque vittorie, quattro consecutive, mentre Modena incassa il terzo ko in quattro sfide.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA – CONSAR RMC RAVENNA 3-0 (25-20, 25-22, 25-21)
Prima vittoria davanti al proprio pubblico per la Tonno Callipo Vibo Valentia, che prova ad allontanarsi dalla zona calda con un netto 3-0 alla Consar RMC Ravenna, ancora alla ricerca del primo acuto in campionato. I calabresi controllano praticamente ogni parziale, senza mai prendere il largo ma riuscendo a rimanere davanti con un vantaggio sufficiente per aggiudicarsi il primo parziale 25-20, il successivo 25-22 e infine 25-21 il terzo. I giallorossi si affidano soprattutto a Nishida, che mette a referto 16 punti (con 5 ace), per salire a 6 punti, mentre Ravenna resta ferma a quota uno, in ultima posizione.

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA – TOP VOLLEY CISTERNA 3-1 (23-25, 25-22, 25-23, 25-21)
Piacenza si conferma nel gruppo degli inseguitori nella prima parte di classifica, cogliendo un prezioso 3-1 contro Cisterna, alla ricerca di punti preziosi per provare a uscire dalla zona retrocessione. Gli ospiti si aggiudicano il primo set 25-23, tenendo quel punto in più sul servizio proprio nel finale, ma con il passare dei minuti la maggiore qualità degli emiliani viene fuori. La Bluenergy è cinica nei momenti decisivi e si aggiudica i parziali successivi 25-22, 25-23 (rientrando da 14-19) e 25-21. Con questa vittoria, Piacenza sale a 13 punti e si dà la possibilità di agganciare Civitanova e Trentino. Cisterna invece non sale sopra i 6 e resta invischiata nella lotta per rimanere nella massima serie.