agi: Chi sono gli italiani più indecisi di fronte al vaccino

AGI - 'Vacillano' maggiormente coloro che si avvalgono spesso o molto spesso di informazioni provenienti dai media e tendono a spiegare gli eventi attraverso teorie di tipo cospirazionista. Inoltre, le donne e i giovani sono più riluttanti a vaccinarsi nel caso in cui dovessero risultare positivi al Covid-19, mentre chi ha un'elevata scolarizzazione tende ad essere meno propenso ad approfittare della vaccinazione altrui. Sono questi alcuni dei risultati che emergono da uno studio multinazionale in corso in 30 paesi europei promosso e coordinato dall'Ufficio Regionale per l'Europa dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per monitorare la conoscenza, la percezione del rischio, la fiducia e i comportamenti preventivi durante la pandemia di COVID-19. In Italia il progetto è stato denominato COMIT (Covid Monitoring in Italy) ed è coordinato da Giovanni de Girolamo dell'IRCSS Fatebenefratelli di Brescia, da Gemma Calamandrei dell'Istituto Superiore di Sanità e da Fabrizio Starace dell'AUSL di Modena, che si sono avvalsi della collaborazione di Lorella Lotto del Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell'Università di Padova. La recente pubblicazione riguarda i dati raccolti in un campione di 5.006 partecipanti arruolati tra gennaio e febbraio 2021 e si è concentrata sui fattori in grado di predire l'indecisione nei confronti della vaccinazione contro il Covid-19. Del gruppo di ricerca fanno parte anche le prime autrici del lavoro Marta Caserotti (assegnista di ricerca) e Teresa Gavaruzzi (ricercatrice) dell'Università di Padova che spiegano: "Pensando all'evoluzione dei contagi e della campagna vaccinale, due aspetti potevano contribuire a fare "vacillare" le persone relativamente all'intenzione di vaccinarsi: da una parte avevamo ipotizzato che coloro che si contagiano sviluppando sintomi lievi potessero sottovalutare la potenziale gravità della malattia. Dall'altra - prosegue Caserotti - abbiamo ipotizzato che l'aumento della copertura vaccinale nella popolazione, comportando una riduzione nella circolazione del virus, potesse ridurre la percezione del rischio in coloro che nutrivano dubbi riguardo alla vaccinazione e che, in modo più o meno intenzionale, ciò potesse portare ad 'approfittare' opportunisticamente del comportamento altrui, sfruttando la cosiddetta 'immunità di gregge'". "I risultati principali dello studio, che ha coinvolto oltre 5.000 Italiani, hanno messo in luce i fattori che predicono l'incertezza nei riguardi della vaccinazione". Come illustra Gavaruzzi, "i risultati di una serie di modelli statistici (di cui si è occupato Paolo Girardi, ricercatore dell'Università di Padova) dimostrano che sia coloro che propendono per un atteggiamento opportunistico sia coloro che si dicono riluttanti a vaccinarsi nel caso dovessero risultare positivi al Covid-19 sono maggiormente propensi nei confronti della vaccinazione quando sono: più favorevoli in generale alle vaccinazioni, adottano le misure di salute pubblica raccomandate, hanno fiducia nelle fonti istituzionali che si occupano di problemi sanitari (ministero della Salute, ISS, OMS), e hanno maggiori capacità di resilienza (hanno cioè maggiori capacità di fronteggiare eventi stressanti). Gli autori concludono che "questi risultati possono essere visti come pezzi di un puzzle complesso nel quale non si possono ignorare gli aspetti psicologici" e si augurano che "il monitoraggio dell'esitazione vaccinale e dei suoi determinanti psicologici possano entrare a fare parte della normale pianificazione sanitaria, al di la' della pandemia, in modo da consentire interventi mirati e tempestivi nel caso di nuovi eventi epidemici". 

agi: Chi sono gli italiani più indecisi di fronte al vaccino

AGI - 'Vacillano' maggiormente coloro che si avvalgono spesso o molto spesso di informazioni provenienti dai media e tendono a spiegare gli eventi attraverso teorie di tipo cospirazionista. Inoltre, le donne e i giovani sono più riluttanti a vaccinarsi nel caso in cui dovessero risultare positivi al Covid-19, mentre chi ha un'elevata scolarizzazione tende ad essere meno propenso ad approfittare della vaccinazione altrui.

Sono questi alcuni dei risultati che emergono da uno studio multinazionale in corso in 30 paesi europei promosso e coordinato dall'Ufficio Regionale per l'Europa dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per monitorare la conoscenza, la percezione del rischio, la fiducia e i comportamenti preventivi durante la pandemia di COVID-19.

In Italia il progetto è stato denominato COMIT (Covid Monitoring in Italy) ed è coordinato da Giovanni de Girolamo dell'IRCSS Fatebenefratelli di Brescia, da Gemma Calamandrei dell'Istituto Superiore di Sanità e da Fabrizio Starace dell'AUSL di Modena, che si sono avvalsi della collaborazione di Lorella Lotto del Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell'Università di Padova.

La recente pubblicazione riguarda i dati raccolti in un campione di 5.006 partecipanti arruolati tra gennaio e febbraio 2021 e si è concentrata sui fattori in grado di predire l'indecisione nei confronti della vaccinazione contro il Covid-19.

Del gruppo di ricerca fanno parte anche le prime autrici del lavoro Marta Caserotti (assegnista di ricerca) e Teresa Gavaruzzi (ricercatrice) dell'Università di Padova che spiegano: "Pensando all'evoluzione dei contagi e della campagna vaccinale, due aspetti potevano contribuire a fare "vacillare" le persone relativamente all'intenzione di vaccinarsi: da una parte avevamo ipotizzato che coloro che si contagiano sviluppando sintomi lievi potessero sottovalutare la potenziale gravità della malattia. Dall'altra - prosegue Caserotti - abbiamo ipotizzato che l'aumento della copertura vaccinale nella popolazione, comportando una riduzione nella circolazione del virus, potesse ridurre la percezione del rischio in coloro che nutrivano dubbi riguardo alla vaccinazione e che, in modo più o meno intenzionale, ciò potesse portare ad 'approfittare' opportunisticamente del comportamento altrui, sfruttando la cosiddetta 'immunità di gregge'".

"I risultati principali dello studio, che ha coinvolto oltre 5.000 Italiani, hanno messo in luce i fattori che predicono l'incertezza nei riguardi della vaccinazione". Come illustra Gavaruzzi, "i risultati di una serie di modelli statistici (di cui si è occupato Paolo Girardi, ricercatore dell'Università di Padova) dimostrano che sia coloro che propendono per un atteggiamento opportunistico sia coloro che si dicono riluttanti a vaccinarsi nel caso dovessero risultare positivi al Covid-19 sono maggiormente propensi nei confronti della vaccinazione quando sono: più favorevoli in generale alle vaccinazioni, adottano le misure di salute pubblica raccomandate, hanno fiducia nelle fonti istituzionali che si occupano di problemi sanitari (ministero della Salute, ISS, OMS), e hanno maggiori capacità di resilienza (hanno cioè maggiori capacità di fronteggiare eventi stressanti).

Gli autori concludono che "questi risultati possono essere visti come pezzi di un puzzle complesso nel quale non si possono ignorare gli aspetti psicologici" e si augurano che "il monitoraggio dell'esitazione vaccinale e dei suoi determinanti psicologici possano entrare a fare parte della normale pianificazione sanitaria, al di la' della pandemia, in modo da consentire interventi mirati e tempestivi nel caso di nuovi eventi epidemici". 

giornalone

Sfoglia le Prime Pagine dei Quotidiani